Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

La ragazza, con ritardi mentali, subìva violenze da due anni

Stupro a 29enne disabile: due arresti nel casertano


Stupro a 29enne disabile: due arresti nel casertano
20/11/2009, 19:11

CASERTA – Abusavano da due anni di una giovane ragazza con ritardi mentali. A Piedimonte Matese i carabinieri hanno tratto in arresto due persone, accusate di avere abusato sessualmente di una ventinovenne affetta da ritardo mentale fin da bambina Antonio Giardullo, di 56 anni, e Antonio Masiello, di 35 anni,  questi i nomi degli arrestati, rispettivamente di  Sant'Angelo d'Alife e di Raviscanina, due comuni dell'alto casertano
I due orchi conoscevano bene la loro vittima e da qualche tempo la seguivano ogni qualvolta usciva di casa. La prima violenza circa due anni fa in casa di Antonio Giardullo. L’uomo, aiutato dal complice, aveva attirato la giovane nel suo appartamento. Una volta immobilizzata, aveva drogato e stuprato la ventinovenne, per poi minacciarla di morte nel caso volesse denunciare tutto ai carabinieri. Una pressione psicologica che aveva avuto la meglio sulla vittima, secondo il comandante dei carabinieri di Piedimonte Matese, Salvatore Vitiello, la quale per due anni non ha denunciato la violenza subita.
Solo ieri, alcune ecchimosi sul corpo della giovane, hanno spinto la madre a sottoporla ad una visita ginecologica in ospedale, che ha confermato i sospetti della donna.
I due arrestati sono stati rinchiusi nel carcere di S.Maria Capua Vetere.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©