Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Smentita la caccia al terzo uomo

Stupro Caffarella, Dna scagiona i due romeni


Stupro Caffarella, Dna scagiona i due romeni
04/03/2009, 09:03

Non coincide con quello dei due imputati romeni il Dna rilevato dalle tracce biologiche ritrovate sui vestiti e sul corpo della 14enne stuprata il giorno di San Valentino nel parco della Caffarella. La relazione finale della Polizia scientifica scagiona ormai definitivamente Alexandru Isztoika Loyos e Karol Racz, i loro profili genetici non corrispondono dunque a quelli degli stupratori. E due romeni potrebbero essere presto scarcerati.
E' giallo intanto sulla confessione del più giovane dei due romeni, che al momento del fermo si è subito dichiarato colpevole, forse per coprire qualcun'altro. Ma non c'è nessuna ricerca di un terzo uomo. Si è appreso in procura. Alcune indiscrezioni circolate ieri riguardavano proprio l'ipotesi che gli investigatori fossero sulle tracce di una persona diversa da Karol Racz, uno dei 2 romeni in carcere. Racz era stato identificato sulla base della confessione fatta e poi ritrattata da Alexandru Isztoika Loyos, il biondino riconosciuto dalla vittima dopo una ricognizione fotografica.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©