Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Inflitti 2 anni ed 8 mesi per violenza sessuale e lesioni

Stupro di Capodanno, condannato il 22enne


Stupro di Capodanno, condannato il 22enne
15/06/2009, 18:06

Condannato con rito abbreviato per violenza sessuale e lesioni gravi, due anni ed otto mesi di reclusione da scontare. E’ la pena inflita a Davide Franceschini, 22 anni, il giovane che confessò di essere il responsabile dello ‘stupro di Capodanno’, quando una 25enne venne violentata alla Fiera di Roma.
Il giovane dovrà inoltre pagare 10mila euro come provvisionale alla ragazza e 3mila al Comune di Roma, costituitosi parte civile nel procedimento. Una condanna definita “equilibrata” dall’avvocato dell’imputato, di certo inferiore ai quattro anni invocati dal pm Vincenzo Barba. “Il mio assistito voleva solo ledere e non compiere una violenza sessuale”, ha aggiunto l’avvocato della difesa, ricordando i particolari di quella sera quando, nei pressi di un bagno chimico, Franceschini si appartò con la ragazza, entrambi fuori di testa. Poi, come ricostruito, non fu possibile consumare l’atto sessuale per via delle sostanze assunte; la ragazza lo prese in giro, lui oltre alla testa perse il controllo, la picchiò ed abusò di lei violentemente con una mano.
Il giovane, pur ammettendo le proprie responsabilità, si era sempre difeso affermando di avere agito sotto l’effetto di stupefacenti. Quella stessa sera, poco prima di abusare della ragazza, fu intervistato da una troupe di Studio Aperto, fermato tra i ragazzi presenti alla Fiera. In quell’occasione mandò un messaggio ai giovani: “Nel 2009 c’è da divertirsi, ma ragazzi, date retta a me: non bevete e non fate cose strane”. Poi la serata è precipitata. Un bicchiere di troppo, forse anche qualcos’altro, e così si era arrivati al triste epilogo.
Franceschini, arrestato pochi giorni dopo la violenza, aveva inizialmente ottenuto i domiciliari; successivamente, in seguito al cosiddetto decreto antistupri, fu trasportato in carcere ed infine rimesso in libertà dopo quattro giorni.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©