Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Successo dell'Italia dei Diritti a Parma, Leporati soddisfatto


Successo dell'Italia dei Diritti a Parma, Leporati soddisfatto
09/03/2010, 10:03


PARMA - Dopo la denuncia dell'Italia dei Diritti circa l'insufficienza di posti auto nell'area antistante l'ospedale Maggiore di Parma, il viceresponsabile provinciale Paolo Leporati commenta con orgoglio il successo ottenuto dal movimento nazionale presieduto da Antonello De Pierro nella lotta per la costruzione di un parcheggio multipiano: "L'amministrazione comunale - spiega Leporati -, nel consiglio tenutosi il 1° marzo, ha dato ragione all'Italia dei Diritti. Avevamo già denunciato l'insufficienza di aree di sosta per operatori e visitatori del comparto sanitario, e abbiamo riscontrato che la proposta da noi avanzata in merito alla costruzione di un parcheggio a piani è stata recepita dall'assessore ai lavori pubblici Aiello, in luogo del progetto che voleva una struttura di sosta sotterranea in viale Osacca".
Il responsabile per la Provincia di Parma dell'Italia dei Diritti non è però soddisfatto a pieno della politica del sindaco in tema di viabilità e già dalla prossima settimana annuncia una nuova raccolta firme in opposizione alla costruzione di una rotatoria nell'area antistante l'ingresso dell'ospedale Maggiore: "Il quartiere Pablo - spiega Leporati - ha subìto politiche negative in materia di cementificazione del territorio, con conseguente riduzione di spazi pubblici e linee di servizio. Viale Osacca, da strada di quartiere, per volontà di Vignali si è trasformata in by-pass per il traffico veicolare che deve attraversare la città da nord a sud. Con il senso unico in viale Pasini e senza aver creato il sottopasso in piazzale Santa Croce, viale Osacca deve assorbire una mole di traffico sostenutissimo. E' quindi intollerabile che per realizzare una circolare a pochi metri dagli uffici di direzione del Maggiore venga abbattuta la storica cinta, con relativo aggravio dell'inquinamento nell'area dell'ospedale. Saremmo più favorevoli all'idea di un viale e un controviale con pista ciclabile sullo stile di quelli che abbiamo già a Parma - conclude Leporati -, ma non si è ancora capito bene perché questo progetto non si debba perseguire".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©