Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

“Proseguiremo fino al completo svuotamento”

Successo per l’operazione Green Hill: 2.115 beagle hanno trovato casa


Successo per l’operazione Green Hill: 2.115 beagle hanno trovato casa
10/08/2012, 10:32

ROMA – Sta andando avanti con notevole successo l’operazione Green Hill, a favore dei cuccioli di beagle salvati dal laboratorio-lager Sono – infatti -  già 2.115 i cani che sono stati dati in affidamento e hanno trovato casa. I custodi giudiziari degli animali, Legambiente e Lega Antivivisezione (Lav) fanno sapere che restano ormai solo 59 nuclei familiari da sistemare, 59 mamme con cuccioli che, per problemi di salute, usciranno nei prossimi giorni e che presto troveranno una famiglia disposta a prendersi cura di loro.
Il Corpo Forestale dello Stato, comunque, continuerà a tenere sotto controllo la situazione,collaborando fino a quando tutti i cani non saranno stati dati in affidamento, e le organizzazioni e le istituzioni coinvolte vigileranno affinché "tutto avvenga nella massima trasparenza e legalità".
L'operazione Green Hill è iniziata un mese fa col sequestro dell'allevamento di Montichiari 2, nel bresciano, che fa capo alla danese Great Divide Aps. La struttura in cui venivano tenuti cani destinati alla sperimentazione era stata denunciata dalle organizzazioni animaliste che poi hanno continuato a lottare fino a ottenerne la chiusura.
Entusiasta del grande successo dell’operazione l'onorevole Michela Vittoria Brambilla, ex ministro del Turismo. "E' stata una battaglia durissima, epocale. Ma oggi che abbiamo finalmente liberato tutti i beagle, mi sento di festeggiare la più grande delle nostre vittorie contro la vivisezione", ha detto. Aggiungendo che "ora non resta che concludere l'iter parlamentare della legge che ho scritto e che vieta l'allevamento di cani, gatti e primati destinati alla sperimentazione su tutto il territorio nazionale".
La legge è già stata approvata a larga maggioranza alla Camera, con il parere favorevole del governo, e ora è agli ultimi passaggi in Senato.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©