Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Gli aggressori sono stati individuati e denunciati

Suona il clacson, picchiato a sangue, Ora è in coma


Suona il clacson, picchiato a sangue, Ora è in coma
06/09/2012, 09:41

MESTRE (VENEZIA) - Ormai è sempre più pericoloso muoversi, come dimostra la tragica disavventura di un 64enne. Domenica, mentre stava tornando dalla zona del Lido di Venezia, l'uomo ha attraversato via Verdi a Mestre. Ad un certo punto ha trovato un gruppo di giovinastri, tra i 20 e i 25 anni, che avevano bloccato il passaggio, ammassandosi con moto ed auto per chiacchierare. Il 64enne ha bussato il clacson, per invitare il gruppo ad aprire il passaggio; ma i giovani si sono arrabbiati e hanno assalito la macchina, rigandola e prendendone a calci le portiere. L'uomo, spaventato, a quel punto se ne è scappato ed è tornato a casa. 
Ma i giovani hanno deciso che non bastava, e l'hanno inseguito a bordo di una Renault Megane. Quando l'uomo è arrivato sotto casa, si è trovato nuovamente circondato dai giovani, che l'hanno nuovamente aggredito, prendendolo a pugni e rompendogli gli occhiali; dopo di che sono scappati, lasciandolo svenuto. 
Ricoverato in ospedale, non sembrava stare molto male, ma dopo 48 ore si è avuto un improvviso peggioramento, con una emorragia cerebrale che ha portato il 64enne in coma.
Gli aggressori sono stati identificati e denunciati per aggressione, ma ora rischiano l'imputazione di "omicidio in conseguenza di altro reato". 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©