Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

La bambina è frutto di uno stupro subito

Suora abbandona la figlia, poi ci ripensa. la Cassazione le dà ragione


Suora abbandona la figlia, poi ci ripensa. la Cassazione le dà ragione
07/02/2014, 20:58

ROMA - Se si abbandona la figlia, è lecito ripensarci, in certi casi. E' quanto ha sostenuto la Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso di una suora di 44 anni. 

La donna nel 2011 partorì a Pesaro una bambina, frutto di uno stupro subito da un sacerdote, e la lasciò in ospedale senza riconoscerla. Ma dopo tre mesi e mezzo cambiò idea e cercò di riaverla. 

Ma erano già state avviate le procedure di adozione, come previsto dalla legge; e la bambina era stata affidata ad una coppia marchigiana. Per questo la suora aveva iniziato le procedure legali per riavere la bambina. Ed oggi la Cassazione le ha dato ragione, permettendole di riavere la bambina. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©