Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sversamenti abusivi, Onofaro: “Adesso basta, intervengano la Prefettura e le forze dell’ordine”


Sversamenti abusivi, Onofaro: “Adesso basta, intervengano la Prefettura e le forze dell’ordine”
28/11/2011, 09:11

Seicento euro di multa alla ditta che ha sversato le balle di abiti e stracci lungo lasse viario, controlli dettagliati sui rifiuti ammassati e denunce. Il sindaco Salvatore Onofaro e la commissione ambiente con l’assessore Giuseppe Musella e il presidente del consiglio Giovanni Palma, questa mattina hanno effettato un sopralluogo lungo l’asse viario da sempre luogo di sversamenti illeciti.

“Abbiamo trovato una situazione disastrosa – commenta il sindaco Salvatore Onofaro - Nonostante i nostri immensi sforzi compiuti in questi mesi, ogni di notte, criminali e bande organizzate sversano di tutto. Noi interveniamo puntualmente, ma questi sciacalli, puntualmente tornano e scaricano. Non ne possiamo più chiedo l’intervento della Prefettura e delle forze dell’ordine. Siamo allo stremo, non è possibile subire tutto questo.”

E continua “Ho anche regalato alla pattuglia di guardie ambientali la mia auto di servizio pur di combattere questo degradante fenomeno. Purtroppo non ho risorse economiche sufficienti per chiedere ai vigili di controllare anche di notte che è il momento nel quale avvengono gli illeciti. Ma adesso basta, ma dove vogliamo arrivare? Questa terra è distrutta, i nostri sforzi sono vanificati, intervengano le istituzioni, non ne possiamo più”.

L’assedi Grande Viabilità sarà oggetto di bonifiche grazie alle compensazioni ambientali, a breve saranno investiti 1 milione di euro per il recupero dell’area. “Chiuderemo l’asse viario, faremo un’ordinanza – spiega l’assessore Musella – Non si contano più le volte che abbiamo bonificato questa strada ed ogni giorno c’è questo scempio. Qualiano è edificata per 1/3, il resto è campagna e terre impossibili da controllare. Nonostante ciò noi siamo presenti con i pattugliamenti della squadra ambientale. Adesso però abbiamo bisogno di aiuto”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©