Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si pensa al suicidio

Swisscom, è morto il direttore generale Carsten Schloter

La direzione dell'azienda verrà affidata a Urs Schaeppi

Swisscom, è morto il direttore generale Carsten Schloter
23/07/2013, 21:44

LUGANO (SVIZZERA) - E’ morto suicida, a soli 49 anni, Carsten Schloter, il direttore generale della Swisscom. A dare l’annuncio della tragedia è stato proprio il famoso colosso delle telecomunicazioni.

Uno dei maggiori top manager svizzeri, di origine tedesca, Schloter sembra essersi suicidato. Il suo corpo è stato trovato privo di vita questa mattina, nella sua abitazione. “Pensiamo ad un suicidio e stiamo indagando al riguardo”, hanno dichiarato gli inquirenti, spiegando di non voler aggiungere altro per non violare la privacy della famiglia. Padre di tre figli, Schloter si era separato dalla moglie nel 2009.

Nato nel 1963 a Erlenbach, in Germania, Schloter aveva iniziato la sua carriera presso la Mercedes Benz, nel 1992. Successivamente passò al settore delle telecomunicazioni, entrando a far parte dell’operatore tedesco Debitel. Poi, nel 2000, era entrato a far parte della Swisscom, alla guida di Swisscom Mobile, e nel 2006 era stato promosso Ceo. L’anno successivo l’azienda ha acquistato Fastweb per circa 4,6 miliardi di euro, per poi rendersi conto, nel 2011, di aver pagato troppo per l’azienda italiana.

La direzione dell’azienda è stata conferita ad un collega di Schloter, Urs Schaeppi, responsabile di Swisscom Svizzera.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©