Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Talidomide: dopo 50 anni le scuse


Talidomide: dopo 50 anni le scuse
01/09/2012, 13:28

“Vi preghiamo di perdonarci per i 50 anni in cui non vi abbiamo mai parlato ad un livello umano, ed invece siamo rimasti in silenzio” Le parole di Harald Stock, Ceo della Gruenenthal, durante l’inaugurazione del monumento dedicato alle vittime del Talidomide a Stoldberg, in Germania.

50 anni fa il Talidomide era uno dei farmaci di punta della casa farmaceutica Gruenenthal. Utilizzato come sedativo per le donne incinte, per placare malessere e nausea, era diffusissimo in Germania e altri 50 paesi. Il farmaco però ha causato innumerevoli malformazioni nei nascituri ma non una parola in 50 anni è stata detta dalla casa farmaceutica. In merito al silenzio Stock dice: “Chiediamo che si consideri il nostro lungo silenzio un segnale dello shock che quello che vi accadde provocò in noi.”

Il farmaco fu ritirato dal mercato nel 1961 e i risarcimenti arrivarono negli anni 70 per tutti i bimbi nati tra il ’57 e il ’60. Per molti le scuse sono puramente strumentali, giunte in seguito alla richiesta di indennizzi milionari provenienti da molte delle vittime in Australia, riunite in un’associazione gestita da Lynette Rowe. La donna è nata senza braccia a seguito dell'assunzione di Talidomide da parte della madre durante la gravidanza.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©