Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Coinvolti come partiti Forza Italia, Pd e La Destra

Tangenti a L'Aquila: 4 arresti, indagato anche un vicesindaco


Tangenti a L'Aquila: 4 arresti, indagato anche un vicesindaco
08/01/2014, 09:04

L'AQUILA - Ancora una volta, la magistratura deve intervenire sulle vicende relative alla ricostruzione dell'Aquila. E lo fa arrestando quattro persone, tra cui un ex consigliere comunale e un ex assessore di Forza Italia, entrambi con delega alla ricostruzione. Ma tra gli indagati c'è anche Roberto Riga, esponente del Pd e attuale vicesindaco del capoluogo abruzzese. 
Tutto nasce dagli interrogatori della Polizia a Daniele Lago, imprenditore veneto indagato per irregolarità negli appalti a L'Aquila per oltre un milione di euro. E' stato lui a riferire il ruolo di Pierluigi Tancredi, il consigliere comunale, che raccoglieva le tangenti e poi provvedeva a far vincere gli appalti. Tangenti che non sempre erano in forma di denaro: a Tancredi vennero regalati cinque dei moduli abitativi che il Trentino donò all'Abruzzo per gli sfollati. Ognuno di essi vale circa 40 mila euro.
Sempre secondo quanto racconta Lago, tangenti furono date anche a Riga. Inoltre ha parlato di un appalto per opere provvisionali di messa in sicurezza di un immobile di proprietà della dottoressa Sabrina Cicogna, qualificata come esponente locale del partito La Destra. Per poter avere questo appalto, Lago dovette finanziare il partito con 5000 euro.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©