Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Martino Mezzero, 55 anni, arrestato dalla Mobile a S.Angelo

Tangenti nel Casertano, in manette esponente dei Casalesi


Tangenti nel Casertano, in manette esponente dei Casalesi
08/09/2011, 16:09

Arrestato, la scorsa notte, a Sant'Angelo in Formis, frazione di Capua, il pregiudicato Martino Mezzero di 55 anni, considerato elemento di spicco del clan dei Casalesi. Mezzero, cugino del boss Antonio Martino, referente del clan Schiavone nell'area di Grazzanise, detenuto e condannato all'ergastolo per associazione mafiosa, omicidio, estorsione e altri reati associativi, era il referente per la raccolta delle tangenti per conto del clan e per tale reato era stato condannato in via definitiva alla pena di otto anni di reclusione, ridotta di tre anni grazie alla concessione del beneficio dell'indulto. Ad arrestarlo sono stati i poliziotti della sezione distaccata della Squadra Mobile di Caserta: Mezzero era destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale presso la Corte di Appello di Napoli, dovendo espiare una condanna a 6 anni di reclusione per estorsione aggravata dal metodo mafioso e dal fine di agevolare i Casalesi. Attualmente rinchiuso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, Mezzero si è lasciato prendere senza opporre resistenza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©