Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Condannato anche a 10 anni di reclusione

Tanzi condannato in appello a risarcire 105 milioni


Tanzi condannato in appello a risarcire 105 milioni
26/05/2010, 16:05

MILANO - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna di primo grado per Calisto Tanzi, l'ex patron di Parmalat, a dieci anni di reclusione per i reati connessi al crac della società di Collecchio. Ma soprattutto Tanzi dovrà restituire ai risparmiatori una provvisionale immediatamente esecutiva (cioè un risarcimento da pagare immediatamente) pari a 105 milioni di euro, cioè il 30% delle somme che i risparmiatori che si sono costituiti Parte Civile hanno chiesto. La definizione complessiva viene rimandata ad un separato processo civile.
Tanzi era imputato di aggiotaggio, falso in revisione, ostacolo alla Consob in relazione al crac della Parmalat da 15 miliardi di euro nel dicembre 2003. Insieme a lui erano imputati anche tre dirigenti della Bank of America, Antonio Luzzi, Luca Sala e Luis Moncada, e i consiglieri Enrico Barachini e Paolo Sciumè, tutti assolti. Condannati invece a 3 anni di reclusione il consigliere Luciano Silingardi e a 2 anni e 6 mesi l'ex responsabile della Parmalat in Venezuela, Giovanni Bonici.
Il legale di Tanzi ha annunciato che faranno ricorso in Cassazione, protestando perchè il frazionamento dei processi rende difficile la Difesa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©