Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Accettato il ricorso contro un provveidmento del Questore

Tar: lo stalking, fatto in famiglia, non è reato


Tar: lo stalking, fatto in famiglia, non è reato
17/05/2011, 14:05

MILANO - Lo stalking non è reato, se viene fatto dai genitori. Sentenza choc, da parte del Tar di Milano, che ha accolto la richiesta di una madre che aveva presentato ricorso contro un'decreto di ammonimento ricevuto dal Questore.
I fatti sono stati messi agli atti dal figlio. Il ragazzo era praticamente pedinato dalla madre che, con ossessività, lo seguiva, gli scriveva troppe e-mail, lo chiamava continuamente al telefono... insomma, gli rendeva la vita un inferno. Secondo l'esposto presentato dal giovane, il comportamento della madre è stato tale da "comportare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero il fondato timore per l'incolumità", cosa che concretizzerebbe il reato di stalking. Da qui la decisione del Questore di Milano di inviare alla donna un decreto di ammonimento a cessare il comportamento ritenuto illecito.
Ma secondo il Tar questa decisione è una intromissione in una vicenda familiare, per quanto deteriorata dall'evidente contrasto madre-figlio, decidendo di annullare il provvedimento del Questore.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©