Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'anticipazione su Panorama, indagine in corso a Napoli

Tarantini e Lavitola hanno estorto 500 mila euro a Berlusconi?

Il premier: "Ho solo aiutato una persona in difficoltà"

.

Tarantini e Lavitola hanno estorto 500 mila euro a Berlusconi?
25/08/2011, 09:08

NAPOLI - Secondo le anticipazioni rese note da Panorama, SIlvio Berlusconi sarebbe vittima di una estorsione. Il colpevole sarebbe Giampiero Tarantini, che avrebbe preteso 500 mila euro - più altre somme minori ma frequenti - per assumere un atteggiamento favorevole al premier nel processo che lo vede imputato per aver fornito escort per i festini di Villa Certosa. In particolare, secondo l'accusa i soldi sarebbero stati pagati per dire che Berlusconi non sapeva che le ragazze fossero escort pagate dall'imprenditore pugliese (cosa che peraltro potrebbe essere vera, sottolinea il settimanale, dato che Tarantini lo dice in una intercettazione telefonica) e per chiudere il processo con un patteggiamento, in modo da evitare un pubblico dibattimento nel quale il premier diventerebbe un convitato di pietra. Peraltro, col rischio di essere anche alquanto sputtanato.
Nella vicenda, prosegue l'articolo, avrebbe un ruolo anche Walter Lavitola, direttore dell'Avanti.e già coinvolto nella vicenda della presunta casa di Fini a Montecarlo (era lui che ha ottenuto dal governo di Santa Lucia il documento che assegnerebbe al cognato del Presidente della Camera la proprietà della società a sua volta proprietaria della casa in questione). Nel caso specifico, la sua azione sarebbe stata finalizzata a raggirare Tarantini: Lavitola è accusato di essersi preso 400 dei 500 mila euro pagati all'imprenditore pugliese.
Le reazioni sono minime: la Procura di Napoli ha espresso il suo rammarico per la fuoriuscita di informazioni riservate e Berlusconi, intervistato dal settimanale della Mondadori, si limita a poche battute: "Ho aiutato una persona (Tarantini n.d.r.) e una famiglia con bambini che si è trovata e si trova in gravissime difficoltà economiche. Non ho fatto nulla di illecito, mi sono limitato ad assistere un uomo disperato non chiedendo nulla in cambio. Sono fatto così e nulla muterà il mio modo di essere".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©