Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il suicidio avvenuto a maggio,ma le indagini sono continuate

Taranto: due arresti, avevano spinto un 22enne al suicidio


Taranto: due arresti, avevano spinto un 22enne al suicidio
15/09/2010, 16:09

TARANTO - Tutto nasce a maggio, quando un 22enne di Taranto decide di impiccarsi, dopo aver mandato un drammatico SMS alla madre, nel quale diceva di non avere più la forza di andare avanti e di voler raggiungere il padre, morto da tempo. Ma c'erano state delle stranezze in quel suicidio, che hanno spinto la Procura a continuare le indagini; in particolare il fatto che la fidanzata del suicida si era allontanata dalla città.
E così si è scoperto che dietro a tutto c'era l'ex della ragazza, tale Settimo Belfiore Smiraglia, 29enne che aveva finito per allontanare la partner per la violenza e le maniere forti che usava su di lei. Ma quando Smiraglia scoprì che la sua ex si era messa con il 22enne, aveva cominciato a tartassare anche lui, picchiandolo e minacciandolo. Dopo di che si era messo d'accordo col proprietario della casa in cui la coppia viveva, il 32enne Fabio Stola, per creare loro ulteriori difficoltà per la casa. Le sempre maggiori difficoltà organizzate dallo Stola e la sempre maggiore violenza perpetrata dallo Smiraglia spaventarono la 26enne che fuggì via. E questo episodio fu il colpo di grazia per la psiche del 22enne, che non vide davanti a sè altra strada che suicidarsi.
Ed oggi, a distanza di quasi quattro mesi, sono scattate le manette sia per Smiraglia che per Stola, accusati di stalking.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©