Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'uomo bloccato dalla polizia di frontiera di Ciampino

Tariffa gonfiata, denunciato tassista romano


Tariffa gonfiata, denunciato tassista romano
16/02/2010, 19:02

ROMA - E' vero che le tariffe dei Taxi sono da sempre decisamente alte e che, negli ultimi anni, gli aumenti non sono stati trascurabili. Tuttavia, 102 euro richiesti ad un passeggero per portarlo dall'areoporto di Ciampino all'Ospedale Sant'Andrea, hanno fatto scattare la denuncia per un tassista romano di 61 anni; bloccato dalla polizia di frontiera prima che facesse perdere le proprie tracce. Prima di essere "beccato", l'uomo è però riuscito a truffare diversi clienti; raddoppiando letteralmente la cifra che compariva sul tassametro (di 51,80 euro) e portandola a 102 euro.
Una volta terminato il tragitto, infatti, l'uomo con gran faccia tosta pretendenva una cifra doppia rispetto a quella indicata dal tassametro e, ai passeggeri insospettiti da tale non trascurabile differenza, rispondeva che la maggiorazione dipendeva dal fatto che, il tratto percorso, era considerato "fuori le mura". La fretta e la premura di raggiungere il nosocomio facevano il resto e i malcapitati si facevano estorcere oltre 100 euro senza battere ciglio. Peccato che, il furbastro di turno, sia stato fregrato da qualche cliente più pignolo che, una volta tornato all'areoporto ed essersi informato, lo ha denunciato alla polizia Giudiziaria della Polaria. Grazie alle testimonianze, alle nuove telecamere di video-sorveglianza ed al sistema transponder per il taxi dell'aeroporto di Roma Ciampino, le autorità sono riuscite senza troppe difficoltà ad identificare il tassista e a denunciarlo per truffa.
Duro il commento del presidente del Codacons Carlo Renzi:"In attesa che la giustizia faccia il suo corso, il tassista romano protagonista della truffa ai clienti deve essere punito con il ritiro definitivo della licenza".
"E' necessario debellare fenomeni di questo tipo attivando controlli a campione
- conclude Rienzi -
utilizzando finti turisti che registrino variazioni anomale del tassametro o aumenti ingiustificati delle tariffe. La truffa scoperta oggi dimostra chiaramente come qualsiasi aumento delle tariffe dei taxi a Roma sia un regalo alla categoria dei tassisti e un danno per gli utenti".
Pene severe ed esemplerari per estorsori e furbetti di vario genere dovrebbero essere efficaci ma, per il momento, come osserva giustamente il codacons, i tassisti disonesti sono ancora molti; troppi.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©