Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In serata la situazione è tornata alla normalità

Tav, trivelle a lavoro: autostrada bloccata dai manifestanti


Tav, trivelle a lavoro: autostrada bloccata dai manifestanti
19/01/2010, 20:01

TORINO - Partiti questa mattina in Val Susa i sondaggi preliminari per la realizzazione dell'alta velocità Torino-Lione. Immediate sono scattate le proteste dei “No Tav”. 
Le trivelle, scortate dalle forze dell’ordine, hanno iniziato a lavorare questa mattina alle 7, in uno dei siti, nei pressi dell’autostrada. Così, alcune centinaia di manifestanti, fra cui alcuni amministratori locali, si sono uniti al presidio permanente che da una settimana è allestito sempre all'autoporto di Susa in un altro dei siti previsti. I dissidenti, circa 200 persone, hanno prima sfilato davanti alle trivelle e poi bloccato la circolazione sull'autostrada Torino-Bardonecchia per due ore nel corso della mattina e poi di nuovo in serata. Dopo una lunga trattativa, mentre il traffico veniva deviato sulle statali, i manifestanti hanno ottenuto di sfilare di fronte allo schieramento di polizia. Non si sono fortunatamente verificati incidenti. Alle 12 il corteo è tornato al presidio. Quello che si è aperto oggi, è un periodo particolarmente delicato. Sono infatti queste le ultime settimane per scongiurare il ritiro dei fondi europei e la conseguente richiesta di risarcimenti per il nostro Paese. "Ci sono state manifestazioni legittime di contrarietà, ma non c'è stata alcuna violenza - ha sottolineato la presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso - e questo è un fatto significativo: i sondaggi si stanno avviando su un percorso corretto anche se sono comprensibili e legittime le espressioni di contrarietà soprattutto nel caso di opere di questa portata". Intanto, un nuovo blocco dell’autostrada c’è stato nel pomeriggio. Soltanto in serata la situazione è ritornata alla normalità

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©