Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Entro Novembre fine dei sondaggi

Tav:in Primavera al via lavori tunnel

I NoTav organizzano un dibattito per la giornata di domani

Tav:in Primavera al via lavori tunnel
03/11/2011, 18:11

- Chiomonte - Proseguono i lavori al cantiere di Chiomonte in Val di Susa, il primo sul lato italiano, per la realizzazione del collegamento ferroviario italo-francese Torino-Lione. Entro fine mese termineranno le attività riguardanti i tre sondaggi esplorativi, sempre in quest'arco di tempo partiranno 60-70 lettere ai proprietari per acquisire poco meno di altri due ettari di terreno, oltre ai cinque oggi acquisiti e recintati, per giungere, presumibilmente all'inizio della prossima primavera, all'avvio dello scavo del tunnel esplorativo. Il punto sui lavori e' stato fatto, oggi, nel corso di un incontro al cantiere di Chiomonte a cui erano presenti Louis Besson della Commissione Intergovernativa (CIG), Patrice Raulin e Marco Rettighieri, rispettivamente presidente e direttore generale di Ltf, società  promotrice della parte comune italo-francese, che comprende il nuovo tunnel transfrontaliero di 57 Km tra Susa, in Piemonte, e Saint-Jean-de-Maurienne in Savoia, il numero uno dell'Osservatorio Mario Virano e l'assessore regionale ai trasporti Barbara Bonino.
“Il cantiere e' in piena attività - ha spiegato Marco Rettighieri -. Sono impiegati una trentina di addetti, 24 ore su 24, si stanno completando le attività dei sondaggi, in tutto tre, e a breve, non appena concordato con prefettura e questura di Torino saranno inviate le lettere ai proprietari dei terreni, che dovranno essere acquisiti per necessità di pubblica utilità”.
  Attualmente nel cantiere, sorvegliato costantemente dalle forze dell'ordine, lavorano una trentina di persone di due imprese valsusine. Gli operai del cantiere, inoltre, utilizzano un catering della Valle e si sta cercando di definire la possibilità di alloggiarli presso alberghi della zona. Un dato, questo, sottolineato dal Commissario Mario Virano: "Stanno lavorando imprese della Val di Susa, mentre non più tardi di qualche tempo fa si diceva che il lavoro sarebbe stato fatto da gente non della Valle; funziona il sistema di catering, mentre non e' ancora pienamente attivo quello di ricezione alberghiera semplicemente perchè qualcuno tenta in tutti i modi di impedirlo, ma prima o poi ci riusciremo". Il 17 novembre, ha annunciato l'assessore Barbara Bonino, si riunirà il tavolo politico, che ha all'ordine del giorno alcuni punti strategici riguardanti proprio le attività di alloggiamento e ospitalità, oltre al tema dell'impostazione dello schema degli appalti, nell'ottica della legge regionale 'cantiere, sviluppo, territorio', per favorire le maggiori ricadute positive possibili sull'area interessata dalla realizzazione della linea Torino-Lione.
Infine, dal punto di vista istituzionale, il prossimo appuntamento è la riunione della Conferenza intergovernativa italo-francese (Cig) fissata per il 20 dicembre a Roma. In quell'occasione Ltf dovrà presentare, tra l'atro, un dossier relativo agli scavi di una discenderia da realizzare in Francia, a Saint Martin La Porte, collegata a quella già realizzata e che correrà parallela al futuro tunnel di base.
Intanto il comitato No Tav continua ad esporre le proprie tesi avverse - “Diciamo NO perché sarebbe un'opera inutile, in quanto non giustificata da ragionevoli previsioni di traffico merci e passeggeri,dal costo insostenibiletutto a debito della spesa pubblica e proiettato sulle generazioni future erodendo ulteriormente risorse dedicabili a scuola, sanità, pensioni e stato sociale. Con un successivo bilancio di esercizio in passivo da ripianare sempre mediante la spesa pubblica – aggiunge - diciamo no perché avrebbe un impatto devastante ed irreversibile sul territorio attraversato, compromettendo in modo irreversibile risorse ambientali e salute dei cittadini “.
Il Comitato NoTav ha organizzato per domani Venerdì 4 Novembre alle ore 17.30 nel’Aula Magna del Politecnico di Torino  un dibattito pubblico sull’opportunità della nuova linea ferroviaria Torino –Lione ,al quale parteciperanno il Prof. Carlo Alberto Barbieri, Politecnico di Torino (Dipartimento Interateneo Territorio) e Osservatorio sulla nuova linea Torino-Lione;
Prof. Marco Ponti, Politecnico di Milano (Dipartimento di Architettura e Pianificazione);
Prof. Angelo Tartaglia, Politecnico di Torino (Dipartimento di Fisica), già membro dell'Osservatorio sulla nuova linea Torino-Lione fino a fine 2009;
Prof. Mario Villa, Politecnico di Torino (Dipartimento di Trasporti e Infrastrutture Civili) e Osservatorio sulla nuova linea Torino-Lione e il Dr. Beppe Rovera, giornalista e conduttore della trasmissione Ambiente Italia.

Commenta Stampa
di Broegg Anna Carla
Riproduzione riservata ©