Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Oltre 91 milioni di euro elusi al fisco

Televendite d'arte: maxievasione a Venezia


Televendite d'arte: maxievasione a Venezia
18/08/2010, 12:08

VENEZIA - Il nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Venezia ha appena ufficiliazzato il termine di un'indagine rivolta in particolare al settore delle televendite di opere d'arte e ad una frode fiscale collegata allo stesso che ha superato il valore di 91 milioni di euro.
Oltre ai 91 milioni di tasse non pagate attraverso la mancata fatturazione delle transazioni di vendita ed acquisto, la Gdf ha infatti anche riscontrato l'evasione di ulteriori 55 milioni di Irap e 18 milioni di euro per violazione all'Iva. A ciò va in ultimo aggiunto il mancato versamento alla Siae di circa 2 milioni di euro. Tra le quattro verifiche condotte, in particolare, è da segnalare quella operata nei confronti di un pensionato classificato come "evasore totale".
L'uomo, come hanno difatti appurato le autorità, era sprovvisto di partita Iva e documentazione contabile e fiscale riguardo la propria attività commerciale che, dal 2004 al 2009, aveva fatto incassare la bellezza di 9 milioni di euro (nessuno dei quali dichiarato). E mentre si prefigurano ancora bastevolmente lunghe le operazioni per individuare gli altri fornitori ed i clienti situati in tutta italia, si conoscono già le identità di altri nove evasori paratotali fermati dalla Gdf veneziana.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©