Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'uomo accusato di un duplice omicidio

Tenta il suicidio in carcere il killer delle prostitute, è grave


Tenta il suicidio in carcere il killer delle prostitute, è grave
07/08/2010, 10:08

UDINE - Ramon Berloso, 35 anni, è in fin di vita nell'ospedale "Santa Maria della Misericordia" di Udine, dopo essere stato rinchiuso nel carcere del capoluogo friulano per un duplice omicidio. L'uomo infatti ha ucciso Ileana Vecchiato, 28 anni, e Diana Alexia di 24 anni, due prostitute, entrambe uccise con un dardo lanciato da una balestra. Il 20 luglio Berloso è stato arrestato e trasferito nel carcere di Udine. Ma venerdì, dopo solo due settimane di carcerazione preventiva, ha tentato di suicidarsi, impiccandosi in cella. E' stato salvato dalle guardie, ma la mancanza di ossigeno al cervello ha danneggiato il cervello dell'uomo. Ora è stato mantenuto qualche ora in coma farmacologico, per permettere al suo organismo di risistemare i danni, poi è stata tentata la rianimazione inutilmente. L'uomo ora è in coma profondo autonomo (cioè non provocato dai farmaci) e le sue condizioni sono considerate gravissime, anche se non è stata dichiarata la morte cerebrale.
Se Berloso dovesse morire, sarebbe il 41esimo suicidio in carcere dall'inizio dell'anno.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©