Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Il rom già preso per un episodio analogo nel 2006

Tenta uno stupro, poi chiama il 112 per farsi arrestare


Tenta uno stupro, poi chiama il 112 per farsi arrestare
08/02/2009, 18:02

E’ accaduto nei pressi della stazione ferroviaria di Caserta. Gheorghe Gudruman, rom senza fissa dimora, aveva già un precedente che risaliva al 2006: in provincia di Rimini era stato indagato per aver rinchiuso una donna in un garage e per averla violentata. La scorsa notte ha tentato di rifarlo, a Caserta. Vittima dell’aggressione, una quarantaduenne lituana. Dapprima il rom le ha offerto da bere, poi l’ha costretta a seguirla in un ex canapificio. A questo punto ha svelato le sue vere intenzioni. Quando la vittima si è opposta al tentativo di violenza sessuale, Gudruman l’ha colpita alla testa facendole perdere conoscenza. A quel punto deve però essersi reso conto di quello che aveva appena fatto. Invece di scappare, ha deciso di avvisare le forze dell’ordine. Ha così chiamato i carabinieri, spiegando di aver tentato di violentare una donna e di averla poi colpita violentemente al capo con una bottiglia di vetro. “Ho tentato di avere un rapporto con la ragazza, - ha spiegato, - lei si è fatta male, arrestate pure me, ma salvate lei”. Per la donna la prognosi è di dieci giorni salvo complicazioni. Per il rom, invece, sono scattate le manette ai polsi.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©