Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Tentano di svaligiare negozio di telefonia. Presi


Tentano di svaligiare negozio di telefonia. Presi
28/02/2010, 11:02

Francesco TORRE, di 19 anni, e Salvatore SGUEGLIA, di 23 anni, avevano organizzato un “colpo” in piena regola, curando i minimi dettagli ma, sono stati scoperti ed arrestati dagli agenti della sezione “Volante” dell’U.P.G. e del Commissariato di Polizia “Scampia”, perché responsabili, in concorso tra loro, del reato di tentato furto aggravato, inoltre, SGUEGLIA è stato denunciato, in stato di libertà, anche perché responsabile del reato di utilizzo di cose sottoposte a sequestro.
I poliziotti, poco prima delle 5,00 di stamani, sono intervenuti al Corso Secondigliano ove era stato segnalato un tentativo di furto, ai danni di un esercizio commerciale.
Il tempestivo intervento degli agenti ha consentito di sorprendere due individui, poi identificati per TORRE e SGUEGLIA che, con l’aiuto di un grosso palo di ferro (piede di porco), stavano forzando la serranda di un negozio di telefonia.
I due, avvedutisi della presenza della Polizia, hanno abbandonato a terra il palo in ferro, tentando di fuggire in direzioni diverse.
TORRE è stato subito bloccato ed arrestato.
SGUEGLIA, invece, qualche minuto più tardi, mentre tentava di mettersi alla guida di un’autovettura Audi A6, lasciata di proposito con il motore acceso.
Nell’abitacolo dell’autovettura, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato, una scala in ferro pieghevole ed una smerigliatrice mentre, nel vano portabagagli, è stato recuperato un altro palo in ferro, anche questo della lunghezza di oltre un metro come quello utilizzato per forzare la serranda e vari attrezzi atti allo scasso.
Da un’ispezione dei luoghi, i poliziotti si sono accorti che i due ladri erano riusciti, a tagliare un filo della corrente elettrica, che dal negozio era collegato ad una cassetta esterna all’esercizio commerciale.
L’autovettura, inoltre, è risultata già sottoposta a sequestro, in quanto priva di polizza assicurativa ed affidata in giudiziale custodia proprio a SGUEGLIA, motivo per il quale è stato denunciato in stato di libertà e contravvenzionato ai sensi del C.d.S.
TORRE e SGUEGLIA, stamani, sono stati processati con rito per direttissima.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©