Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Teramo, La Del Fallo su violenza carceraria


Teramo, La Del Fallo su violenza carceraria
04/11/2009, 09:11


TERAMO - "Un avvenimento di questo tipo denota chiaramente che l'Abruzzo non esula dalle violenze carcerarie che in questi giorni sono sotto i riflettori della pubblica opinione per il caso Cucchi". L'amareggiato commento è di Barbara Del Fallo, viceresponsabile per l'Abruzzo dell'Italia dei Diritti, riguardo le intercettazioni telefoniche inviate al quotidiano "La Città" da un anonimo corrispondente, tra due secondini del carcere di Castrogno, in provincia di Teramo, che raccontano le violenze che sarebbero avvenute sotto gli occhi dei condannati ai danni di un malcapitato detenuto. "L'Italia dei Diritti ha già manifestato attenzione nei confronti della casistica di queste tragedie e ancora una volta non si tirerà indietro ma affronterà e supporterà vittime e familiari perché non rimangano soli e senza risposte contro un simile cerchio di violenza, ha continuato l'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro. Da una tale circostanza emerge l'assurdità di una legge contro le intercettazioni voluta dall'attuale governo che la ritiene iniqua, ma che con i fatti si dimostra efficacissima. Sottolineo che avvenimenti come quelli siffatti sono dovuti alla cattiva organizzazione degli stessi istituti penitenziari che spesso sono sovraffollati e con guardie in numero inferiore al necessario, dando così possibilità alla tensione di salire a livelli non consentiti in strutture come le case di detenzione. D'altronde noi responsabili del movimento abruzzese seguiremo l'evolversi della vicenda e saremo pronti a segnalare eventuali abusi, che sicuramente, già si compiono nelle altre galere del territorio".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©