Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Tg1 apre con i dati auditel, è bufera sul web

Terremoto e avvoltoi, rivolta contro l'Informazione



Terremoto e avvoltoi, rivolta contro l'Informazione
08/04/2009, 10:04

Una scelta editoriale più che criticata quella del Tg1. L’apertura di ieri dedicata all’auditel del terremoto non è piaciuta. Popolo di internet, e non solo, in rivolta. Ilponente.com titola con “La grandefratellizzazione della tragedia”. Anche Articolo 21 prende posizione contro il sistema informazione.

E sul web non sono pochi i sondaggi sulla speculazione o meno sul sisma abruzzese. Il giornale di Gianni Riotta ha ringraziato per gli ascolti ottenuti e tutti quelli che hanno permesso all’informazione Rai di essere leader nell’intera giornata. Avvoltoi mediatici, sciacalli. I giornalisti – non solo del Tg1 – vengono paragonati ai vari animali che si nutrono di cadaveri e affini. Televisione pubblica o privata, non c’è differenza. Perché anche su Canale 5 c’è chi chiede se l'immigrato salvato è un clandestino o meno. Ancora. Sempre sul Tg1 viene chiesto a una ragazza “perché piangi?”. Per non parlare del caso di Giampaolo Giuliani, l’esperto che aveva più o meno lanciato allarmi.  Sull’ultima questione era però intervenuto il segretariato Onu, ieri, parlando di “imprevedibilità”, generale, dei terremoti. Non è stato gradito neanche Bruno Vespa, su YouTube già molto diffuso  il video con pelouche. E le scene di telecamere oscurate non sono mancate. Le mani dei soccorritori sono intervenute anche sulle ottiche dei cameraman.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©