Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Panico e danni agli edifici nella Valle Del Tevere

Terremoto in Umbria, evacuati in 400


Terremoto in Umbria, evacuati in 400
15/12/2009, 21:12

PERUGIA - La scossa di 4.2 gradi della scala Richter ha provocato paura e sgomento tra gli abitanti delle città situate all'interno della Valle Del Tevere (zona dell'epicentro). Dopo il panico iniziale e i piccoli danni riscontrati negli edifici, oltre 400 persone sono state invitate a lasciare le proprie abitazioni in via precauzionale. La scossa, partita da quasi 10km di profondità, è stata avvertita in numerosi comuni ma, fortuantamente, a parte lievi contusioni riscontrate da un italiano e da uno straniero, non ci sono stati feriti. Anche per Assisi, colpita duramente dal sisma del1997, non si sono registrati particolari problemi.
I 500 detenuti del carcere del capoluogo umbro sono stati fatti uscire ma solo per il tempo necessario a controllare che la struttura non avesse riportato danni che potessero causarne l'idebolimento. Centri di accoglienza con la possibilità di avere pasti caldi sono repentinamente stati organizzati nella piccola frazione di Castiglione della Valle mentre, decine e decine di anziani, sono stati trasferiti negli ospedali di Perugia e Marsciano. Proprio nel lasso di tempo in cui i soccorsi si attivavano per monitorare al meglio tutta la zona colpita dal terremoto, un'altra scossa piccola (di 2,8 gradi) è stata avvertita in altre zone; tra Spoleto, Castel Ritaldi e Campello sul Clitunno. Anche in questo caso la popolazione ha avvertito la vibrazione ma non ci sono stati feriti o danni alle abitazioni.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©