Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Terzigno, tensione a Cava Sari: tre denunciati


Terzigno, tensione a Cava Sari: tre denunciati
02/03/2012, 14:03

Una persona arrestata (Aliberti Alberto, un 27enne di Boscotrecase) e due denunciate in stato di libertà (un 31enne di Boscotrecase ed una 28enne di Scafati) dai Carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata.
I tre, insieme ad altri complici non identificati, alcuni dei quali travisati e armati di spranghe, alle ore 01.00 circa odierne, a Terzigno (NA), in via Zabatta, nei pressi dell’ingresso della discarica “ex Cava Sari”, bloccavano il transito di un auto compattatore che si stava recando in discarica per sversare rifiuti. I malintenzionati costringevano i due autisti del mezzo a scendere dallo stesso e, dopo averli minacciati e malmenati, tentavano di dare alle fiamme alcuni pezzi di cartone, gettandoli sui sedili dell’autocompattatore, dandosi successivamente alla fuga.
Il tempestivo intervento delle pattuglie della Compagnia Carabinieri di Torre Annunziata consentiva di prestare pronta assistenza ai malcapitati. Nel frattempo, immediate ricerche condotte nelle aree limitrofe all’accaduto permettevano di rintracciare un’autovettura che, alla vista dei militari, invertiva repentinamente la marcia tentando di far perdere le proprie tracce. Dopo un inseguimento il veicolo veniva bloccato e i tre occupanti identificati.
A bordo del mezzo veniva rinvenuto un manifesto dal titolo “Affinità e divergenze tra chi mette le catene e chi accende le candele” del movimento “Difesa del territorio area vesuviana ed il collettivo area vesuviana” il cui contenuto esorta alla protesta contro la presenza di discariche e inceneritori nell’ara vesuviana. Gli autisti dell’autocompattatore, condotti presso l’ospedale di Boscotrecase, riportavano “contusioni di sedi multiple” giudicate guaribili in pochi giorni.
La persona tratta oggi in arresto nel mese di febbraio u.s., durante una manifestazione in Napoli, aveva ferito un poliziotto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©