Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ennesima storia di violenza contro una donna

"Ti strangolo", lei lo denuncia

Lui è un pregiudicato di 43 anni

'Ti strangolo', lei lo denuncia
03/03/2014, 13:56

GIUGLIANO (NA) -

“Ti strangolo come quella donna nel film”. E così lei, forse stanca delle violenze subite, forse pensando al suo bambino di soli 11 anni, decide di denunciarlo. Una triste storia consumatasi nel pieno centro storico di Giugliano, comune dell’ hinterland di Napoli. Lei, 42 anni, lui, il suo compagno, 43. Continui i litigi ed i maltrattamenti che probabilmente avevano reso la donna succube di un uomo che, giorno dopo giorno, non solo le rovinava la vita ma la distruggeva anche ad un bambino di 11 anni costretto ad assistere ad incredibili scene di violenza. E non solo. Qualche schiaffo e qualche pugno deve averlo subito anche lui. Sabato notte infatti, mamma e figlio sono finiti in ospedale con escoriazioni giudicate guaribili in pochi giorni. Così, la madre, di fronte agli occhi terrorizzati di suo figlio ha deciso di dire basta e di denunciare tutto ai carabinieri. I militati sono venuti a conoscenza che da la donna subiva continue violenze da parte del compagno, tra l’ altro un pregiudicato, per motivi futili. Sabato notte l’ epilogo di una storia di violenza che andava avanti da due anni. Stando a quanto riferito dalle forze dell’ ordine il 43enne, per un motivo più che banale, afferra la donna e comincia a malmenarla con schiaffi e calci. Il figlio, nel tentativo di difendere la madre, rimedia anche lui dei ceffoni. Poi il pregiudicato che dice: “Ora ti strangolo come hanno fatto a quella donna in quel film”. Non si sa a quale film il violento si riferisse, fatto sta che la donna ha deciso che non avrebbe mai più continuato a vivere con quell’ uomo e di salvare la propria vita e quella di suo figlio. Dopo la denuncia della 42enne i carabinieri della compagnia di Giugliano, guidati dal capitano Francesco Piroddi, hanno immediatamente arrestato l’ orco per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Commenta Stampa
di Giovanni Concas
Riproduzione riservata ©