Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

La scoperta grazie a una foto scattata nel 2004

Titanic: nasce l'ipotesi che ci siano ancora resti umani

Il regista del film del 1997 non crede sia possibile

Titanic: nasce l'ipotesi che ci siano ancora resti umani
16/04/2012, 20:04

Ora che la tragedia del Titanic è diventata letteratura, film, leggenda, affiora nella superficie opaca di un triste centenario l'ipotesi che in fondo all'abisso ci possano essere ancora corpi umani. Sul relitto del transatlantico potrebbero essere rimasti i resti di qualche passeggero. E' quanto ipotizzato dal presidente dell'Institute of Nautical Archaeology di Vancouver in base a una fotografia scattata nel 2004 e mostrata per la prima volta in pubblico proprio in occasione del centenario dal naufragio del Titanic, in cui morirono più di 1500 persone. Nella fotografia, scattata dall'oceanografo e archeologo statunitense Robert Ballard che scoprì il relitto nel 1985, si intravedono quelli che potrebbero essere un cappotto e un paio di stivali sommersi dal fango nel punto dove è affondato il Titanic. "Non si tratta di scarpe semplicemente cadute dalla borsa di qualcuno - spiega Delgado -. Il modo in cui sono disposte non lasciano dubbi, si trovano in un posto dove qualcuno è rimasto sepolto". James Cameron, regista del film del 1997 che ha portato al successo Leonardo DiCaprio, sostiene invece il contrario. Dice di non aver mai notato niente del genere durante le 33 esplorazioni del Titanic, prima di iniziare le riprese: "Ho visto scarpe che molto probabilmente possono dare l'idea della presenza di un corpo una volta, ma non ho mai visto resti umani"

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©