Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Chiesti i files audio originali delle conversazioni

Tommasielli,difesa punta su intercettazioni “fantasma” -video


.

Tommasielli,difesa punta su intercettazioni “fantasma” -video
11/02/2014, 13:20

C'è una parte della recente storia politica (e comunale) che non è stata ancora raccontata, e che probabilmente verrà alla luce solo quando saranno pubblici gli atti delle inchieste sull'Amministrazione comunale di Luigi de Magistris. A cominciare dalle dimissioni-siluramento dell'ex assessore allo Sport Pina Tommasielli, indagata nella storia sulle multe cancellate al cognato magistrato e in quella sui biglietti omaggio allo stadio San Paolo per le scolaresche.

Agli atti di quest'ultima inchiesta ci sono numerose intercettazioni e verbali di interrogatorio da cui emergerebbe l'isolamento «politico» dell'assessore rispetto alla questione spinosa della convenzione con il Calcio Napoli per l'utilizzo dello stadio San Paolo e alla transazione con la società azzurra per l'azzeramento dei debiti accumulati negli anni precedenti, circa cinque milioni di euro.

In una di queste conversazioni intercettate, il capo di Gabinetto Attilio Auricchio, parlando con il vicesindaco Tommaso Sodano, farebbe riferimento al fatto che il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, sarebbe tutt'altro che entusiasta del rapporto instaurato con l'assessore. Testualmente, l'ex ufficiale dei carabinieri direbbe: «Eh, c'è da dire pure che De Laurentiis non la vuole a Pina...»

La Tommasielli, nei prossimi giorni, sarà ascoltata dai magistrati su sua richiesta: presenterà una articolata memoria difensiva. Nello stesso tempo, il suo avvocato Domenico Ciruzzi ha chiesto l'estrazione dei files audio delle intercettazioni per uno studio più approfondito delle trascrizioni effettuate dalla Digos. Mossa che facilmente si può leggere con la necessità di cercare eventuali brandelli di intercettazioni utili a smontare l'ipotesi accusatoria che potrebbero essere sfuggiti alla polizia giudiziaria e ai pubblici ministeri.

Commenta Stampa
di Simone di Meo
Riproduzione riservata ©