Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si indaga sull’acciaio non conforme

Torino, il nuovo stadio potrebbe rischiare il crollo


Torino, il nuovo stadio potrebbe rischiare il crollo
21/10/2011, 10:10

TORINO – Il nuovo stadio di Torino potrebbe anche crollare. Eccola la notizia choc per i tifosi bianconeri che ha spinto la Procura di Torino ad acquisire, nella sede della Juventus, la documentazione relativa alla costruzione della struttura. L'inchiesta, che riguarderebbe tra l'altro la fornitura di acciaio, viene condotta dal pubblico ministero Gabriella Viglione che ha chiamato in causa, non come indagato ma come parte lesa, anche la società sportiva.

L’ipotesi di reato formulata sarebbe pericolo di crollo colposo, ma è ancora tutto da verificare ed accertare. Gli indagati sono un dirigente dell'ufficio tecnico del Comune di Torino Giovanni Quirico, e gli ingegneri Francesco Ossola e Paolo Erbetta. Il primo, secondo quanto si è appreso, è chiamato in causa come collaudatore, i secondi come direttori dei lavori.

Dalla Prefettura però, dopo un vertice a cui hanno partecipato il presidente della Juve, Andrea Agnelli, il sindaco di Torino, Piero Fassino, e il prefetto, Alberto Di Pace, assicurano sulla solidità della struttura: “L'attività nel nuovo stadio della Juve proseguirà”, tranquillizzano.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©