Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Favori in cambio di assegnazione appalti

Torino: inchiesta agenzia Casa, perquisizioni e arresti

La Procura: indagine complessa e difficile

Torino: inchiesta agenzia Casa, perquisizioni e arresti
25/03/2014, 10:52

TORINO –  Nella bufera l’agenzia territoriale della Casa di Torino. Negli uffici dell’ente piemontese, infatti,  i carabinieri stanno eseguendo perquisizioni e a quanto si apprende dalle principali agenzie stampa hanno eseguito una decina di misure cautelari nei confronti di dipendenti.  

Partita l’anno scorso, l’inchiesta, si sta concentrando su presunti favori in cambio dell'assegnazione di appalti di manutenzione dei caseggiati pubblici del capoluogo piemontese. L'indagine coinvolge anche  quattro dirigenti dell'Agenzia della casa e i titolari di due società collegate.  

Si apprende dai militari dell’arma che  le persone arrestate sono accusate di avere dato vita ad un vero e proprio "sistema" illegale. Secondo la procura del capoluogo piemontese, che ha definito l’indagine "complessa e difficile per la difficoltà di reperire persone disposte a collaborare'' questo "sistema" consentiva  - tramite società in house - di affidare lavori per importi rilevanti a società private senza il rispetto delle procedure ad evidenza pubblica.

Inoltre, sempre secondo l'accusa, ai soggetti ai quali venivano assegnati i lavori subappaltati veniva richiesto di realizzare con i propri mezzi e le proprie maestranze anche la parte di lavori di competenza della società in house. In tal modo, concludono gli inquirenti, si consentiva ai veritici delle società interne  di gestire imponenti lavori che , in realtà, non era in grado di eseguire.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©