Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Tutte le vittime sono minorenni

Torino: pretendevano sesso in cambio di un posto in squadra. Allenatori arrestati


Torino: pretendevano sesso in cambio di un posto in squadra. Allenatori arrestati
20/03/2017, 10:37

TORINO - Una squdra di calcio giovanile trasformata in una sorta di "terreno di caccia" sessuale da due allenatori, entrambi arrestati. La turpe vicenda ha visto un uomo di 20 anni ed uno di 50 accusati di reati quale la violenza sessuale su minori (con l'aggravante di essere in una posizione di "tutore" sportivo), la produzione e diffusione di materiale pedopornografico. I due si erano divisi i ruoli: il primo faceva sesso con i minorenni, il secondo registrava gli incontri sessuali su video. Chi non accettava di passare per il letto dell'allenatore, non aveva un posto in squadra. 

Oltre a loro due, è stato fermato anche un architetto di 49 anni, che faceva l'arbitro nelle partite giovanili, ma forniva anche supporto esterno alla coppia di allenatori: forniva l'appartamento, offriva passaggi ai ragazzi per portarli agli appuntamenti sessuali, ecc. Per lui però - essendo responsabile di reati meno gravi - è stata disposta una misura cautelare meno afflittiva: l'obbligo di firma. 

Tutta l'indagine è partita dalla denuncia di uno dei ragazzi della squadra, che ha raccontato in famiglia come l'allenatore più giovane, alla vigilia di una partita, l'avesse invitato a passare la notte da lui e poi si fosse infilato nel letto di notte. Da lì è partita la denuncia e gli inquirenti, che hanno ascoltato 15 minori, hanno potuto appurare quello che succedeva, prima di procedere agli arresti. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©