Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A distanza di poche ore sono scomparsi

Torre Annunziata piange due illustri cittadini


Torre Annunziata piange due illustri cittadini
12/11/2010, 18:11

Forse in vita non si erano conosciuti di persona, probabilmente l’uno avrà apprezzato il lavoro dell’altro ma Dino De Laurentis e Maria Orsini Natale, oltre ad essere due illustri cittadini di Torre Annunziata, sono accomunati dallo stesso giorno della morte. Infatti la cittadina vesuviana nella giornata di ieri ha perso due personalità che le avevano dato lustro ed attenzione internazionale. Parliamo di Dino De Laurentis, produttore hollywodiano, e la scrittrice Maria Orsini Natale. De Laurentis è morto a Los Angeles, all’età di 91 anni, era nato l’8 agosto 1919 a Torre Annunziata. A lui si devono pellicole tra le quali citiamo Riso Amaro (1948) di Giuseppe De Santis Napoli milionaria (1950) di Eduardo De Filippo; e Miseria e nobiltà (1954) di Mario Mattoli; mentre, tra i suoi successi americani, vanno ricordati I tre giorni del Condor di Sidney Lumet, Il giustiziere della notte di Michael Winner (con Charles Bronson); L’Anno del dragone di Michael Cimino. L' assessore alla Cultura del Comune di Torre Annunziata, Giuseppe Raiola, ricordando il grande produttore cinematografico ha dichiarato all'ADNKRONOS che De Laurentis non tornava più spesso a Torre ma non mancava mia di ricordare la sua città natale anche perchè sua sorella minore abita qua-ha continuato- Lo ricordiamo tutti come una persona intelligente e cordiale, veramente d'un altro livello. Dino poi e' stato uno degli artefici della fortuna del 'Lido Azzurro', il piu' importante e storico dei lidi balneari di Torre Annunziata, dove negli anni '60 venivano invitati attori del calibro di Toto', De Filippo, De Sica>>. Si è spenta,inoltre, a 82 anni la scrittrice Maria Orsini Natale, autrice del romanzo “Francesco e Nunziata”, che la regista Lina Wertmuller volle portare sul grande schermo realizzando una interessante pellicola iinterpretata, tra gli altri, da Giancarlo Giannini e  Sophia Loren.

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©