Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Torre del Greco, aggrediscono due giovani in attesa del bus per rapinarli


Torre del Greco, aggrediscono due giovani in attesa del bus per rapinarli
20/11/2013, 12:50

TORRE DEL GRECO - Ieri sera, i poliziotti del Commissariato Torre del Greco, hanno arrestato i pregiudicati del posto Francesco Cataletti 28enne, Massimo Palomba 35enne e Marco Rispoli 33enne, in quanto ritenuti responsabili in concorso fra loro, dei reati di tentata rapina aggravata e lesioni gravi. Rispoli è altresì accusato di resistenza a pubblico ufficiale.
Alle 23.00 circa è arrivata al 113 una richiesta d’aiuto da parte di un giovane che riferiva di trovarsi al porto di Torre del Greco e di essere inseguito da tre persone intenzionate a rapinarlo. Giunti immediatamente sul posto ,i poliziotti sono stati avvicinati dalla vittima di un’aggressione: un 30enne di Pompei con una copiosa perdita di sangue dal naso. Il giovane ha pertanto riferito che poco prima lui ed un suo amico erano giunti a Torre del Greco con un bus e mentre attendevano la coincidenza per tornare a Pompei, erano stati avvicinati da tre balordi. Questi ultimi avevano con insistenza chiesto del denaro ma al loro rifiuto li avevano prima minacciati di morte e poi aggrediti con calci e pugni. La ferita al naso gliela aveva procurata con una testata uno dei tre aggressori, successivamente identificato per Cataletti. Le due vittime si erano quindi date alla fuga prendendo direzioni diverse. Insieme ai poliziotti il 30enne ha poco dopo rintracciato il suo amico ancora in compagnia dei tre rapinatori.
Questi ultimi sono stati quindi immediatamente arrestati. Rispoli ha provato ad opporsi fisicamente all’arresto ma i poliziotti, con non poche difficoltà, sono alla fine riusciti ad avere ragione di lui. I due feriti sono stati quindi accompagnati all’Ospedale Maresca dove i sanitari li hanno medicati e giudicati guaribili, il 30enne in 25 giorni ed il suo amico in 5.
I tre rapinatori dopo l’arresto sono stati invece condotti dai poliziotti alla Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©