Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il pregiudicato ritenuto tra i capi dell’organizzazione

Torre del Greco: arrestato Pietro Formicola, boss dei Falanga


.

Torre del Greco: arrestato Pietro Formicola, boss dei Falanga
19/05/2010, 14:05


TORRE DEL GRECO - Era rimasto l’unico storico esponente del clan Falanga di Torre del Greco a non essere ancora in galera. Ma adesso, anche per Pietro Formicola, pluripregiudicato di 48 anni conosciuto col soprannome di “insulina”, a causa di una patologia di cui soffre da anni, si sono aperte le porte del carcere.
I carabinieri della compagnia di viale Campania, infatti, hanno notificato al boss, un ordine di carcerazione emesso dalla Procura generale di Napoli.
I militari torresi, hanno raggiunto il 48enne, attualmente sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, direttamente all’ospedale napoletano Cardarelli, dove il ras dei Falanga era ricoverato per i suoi problemi di salute. Formicola dovrà adesso scontare una pena residua di 5 anni e 11 mesi per associazione a delinquere di stampo mafioso.
I fatti risalgono al luglio del 2004 quando la Direzione distrettuale antimafia, decapitò i vertici della cosca torrese guidata da Giuseppe Falanga, detto “‘o struscio”.
Nel corso dell’operazione “Never Again”, le forze dell’ordine arrestarono 28 persone, tra cui il 48enne di via Falanga, sospettato di essere tra i vertici del clan della città del corallo e di essere responsabile di estorsine ai danni di un imprenditore di via Nazionale.
Formicola fu condannato in primo grado a 14 anni di carcere; sentenza successivamente ridimensionata a sei anni, dopo essere stato scagionato dell’accusa di estorsione. Tuttavia, a causa delle cattive condizioni di salute dell’uomo, la sentenza non era ancora diventata effettiva.
Adesso però, per “insulina”, è arrivato il momento di pagare il suo conto con la giustizia. Di sicuro, però, gli avvocati del boss torrese, ricorreranno in appello al Tribunale di sorveglianza per far ottenere al loro assistito, gli arresti domiciliari per le sue condizioni di salute.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©