Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Torre del Greco, fronte unico contro il racket, interessante iniziativa della consulta per la sicurezza


Torre del Greco, fronte unico contro il racket, interessante iniziativa della consulta per la sicurezza
20/12/2010, 13:12

Torre del Greco – La Consulta per la Sicurezza e l’ordine pubblico sono attive nel contrastare ogni forma di camorra, in particolare in questo periodo natalizio. Scendono in campo le associazioni, i comitati e l’Amministrazione comunale. In proposito il sindaco Ciro Borriello ha affermato: “di concerto con tutte Forze dell’Ordine, soprattutto con la Consulta per la Sicurezza e l’Ordine Pubblico, con l’Ascom Confcommercio, i rappresentanti della Chiesa locale, nonché delle associazioni e dei comitati abbiamo messo in campo una concreta iniziativa di comunicazione e volantinaggio per contrastare ogni forma di illegalità. Da sempre questa Amministrazione è vicina agli imprenditori e agli operatori economici, in particolare in questo periodo”. “La Consulta è un organo – ha sottolineato il primo cittadino - che in più Comuni dell’area vesuviana sta diventando un importante punto di riferimento per contrastare la criminalità organizzata e il volantino, che è distribuito sull’intero territorio è scaturito in seno all’ultima assemblea. Il testo è il seguente: le istituzioni sono con voi. Se avete bisogno di aiuto, se ricevete richieste di denaro o altro, non esitate, denunciate i colpevoli. Contatta: Carabinieri: 081/8811481 - Polizia di Stato: 081/8470111 - Guardia di Finanza: 081/8475460 - Polizia Locale: 081/88304400 - Ascom, ConfCommercio: 081/8816133 - Segreteria Sindaco: 081/8830727. Il Sindaco è disponibile ad incontrare gli Operatori economici per ogni ulteriore informazione”. “Nei nostri territori – sottolinea il Sindaco - il contrasto alle attività criminose è difficile. In merito la Magistratura e la Polizia fanno tantissimo, eppure non basta. L’auspicio più forte è che i cittadini, soprattutto i giovani, le istituzioni, le parti sociali, il mondo della cultura, dell’informazione e non da ultimo della politica siano sempre vigili e presenti nel contrastare ogni forma di mafia”. “Ricordo che diversi sono stati gli eventi realizzati – conclude Ciro Borriello - come eventi sportivi, Consigli comunali monotematici, confronti con le associazioni, i comitati di quartiere e gli operatori economici volti a sensibilizzare sempre di più la popolazione sul problema della mafia. Anzi, di tutte mafie. Attività partecipate per mantenere sempre alta la guardia contro le attività criminose e per tenere vivo il senso di ordine civico. Ma a mio avviso, contro l’omertà, contro il silenzio è fondamentale sentirsi protagonisti di legalità è l’unico modo per tenere alta la promozione e il senso della giustizia per costruire una società migliore.”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©