Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Torre del Greco, in causa da 33 anni per un'eredità contesa


Torre del Greco, in causa da 33 anni per un'eredità contesa
27/05/2010, 10:05


NAPOLI - Da trentatré anni in causa per un'eredità contesa: accade nel Napoletano, a Torre del Greco. Era il 1997 quando i nonni materni morirono e non lasciarono testamento. E' da allora che cinque fratelli cercano di dividersi il lascito: ma, ad oggi, si è ancora al nulla di fatto. "Quando è inziata questa causa avevo sedici anni. Sognavo un giorni di poter andare ad abitare in uno degli appartamenti dei miei nonni materni, oggi sono sulla soglia dei 50 e il procedimento giudiziario è ancora in corso", racconta al quotidiano Il Mattino, uno dei protagonisti della vicenda, Vito Iura, poliziotto in servizio al porto di Napoli. Perché tutto questo tempo per non arrivare neanche ad una sentenza di primo grado? "Colpa delle pastoie burocratiche", dice il legale della famiglia Iura, Feliceto Russillo. La prossima udienza a Torre Annunziata, dove nel frattempo è passata la competenza, è fissata per il 22 giugno. Vito Iura ha scritto, in merito, anche al ministro della Giustizia, Angelino Alfano: "Mi sarei aspettato almeno una risposta, anche semplici scuse per colpe non sue".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©