Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cede soffitto di un appartamento. Sfollato lo stabile

Torre del greco, nuovo crollo in Corso Garibaldi


.

Torre del greco, nuovo crollo in Corso Garibaldi
14/01/2011, 12:01

TORRE DEL GRECO - Quella degli edifici fatiscenti si conferma una triste quanto pericolosa realtà del comune di Torre del Greco. Gli stabili risalenti al primo dopoguerra nella città corallina sono numerosi, come numerosi, a distanza di settant’anni, sono ora i pericoli per i cittadini. Ieri pomeriggio, intorno alle 17, l’ennesimo caso si è consumato in corso Garibaldi. Il soffitto di un appartamento sito in uno dei palazzi più antichi della città torrese, è letteralmente crollato. Gli inquilini hanno immediatamente abbandonato lo stabile e richiesto l’intervento dei vigili del fuoco. Per loro l’Amministrazione comunale ha trovato una sistemazione momentanea in un albergo a Trecase. Ma di momentaneo c’è veramente tutto. Al momento agli sfollati è garantito a malapena l’alloggio, e sarà così solo per i prossimi dieci giorni. “Nessun pasto, né riscaldamento, né sicurezze per l’immediato futuro”, lamenta uno degli ormai ex residenti dello stabile, tornato stamane a ritirare pochi oggetti personali nella casa abbandonata e sotto sequestro. Visibile la paura negli occhi della gente che poco meno di un anno fa, era il maggio 2010, avevano visto venir giù un intero stabile di tre piani in via Libertà italiana, traversa di corso Garibaldi situata proprio a pochi passi dalla ferrovia dello stato. Allora come ieri non ci sono stati feriti. Ma i pericoli del caso restano tutti. Corso Garibaldi è dal punto di vista edilizio la strada del centro torrese più a rischio. Tanti gli stabili costruiti negli anni ’40 e col tempo erosi da agenti atmosferici e dalla salsedine del mare. Molti di questi sono tenuti allerta solo da pali di legno posti dai tecnici del Comune corallino come emergenza momentanea, e riposti lì da anni. Sul tavolo del sindaco, Ciro Borriello, da tempo c’è un Piano Urbanistico Comunale e un Regolamento Urbanistico Edilizio che dovrebbero portare all’abbattimento e alla ricostruzione in periferia degli stabili più antichi e fatiscenti della città. Un progetto che, per la verità, a Torre del Greco si attende da circa 20anni, e che attende l’approvazione della Regione Campania.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©