Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ad operare i carabinieri del mare torresi

Torre del Greco: scaricavano vernice in mare, tre denunce


.

Torre del Greco: scaricavano vernice in mare, tre denunce
21/07/2010, 15:07

TORRE DEL GRECO - I carabinieri del servizio navale di Torre del Greco, agli ordini del comandante luogotente Vincenzo Amitrano, durante una normale perlustrazione marittima nei pressi degli stabilimenti balneari del litorale torrese,  hanno avvistato una grande chiazza schiumosa di colore rosa salmone che si estendeva sulla superficie del mare. Un vero e proprio sfregio all’ambiente in una località sottoposta a vincolo di tutela paesaggistico. Immediatamente sono scattate le indagini dei militari per individuare i responsabili. Dapprima i carabinieri hanno chiesto informazione ai numerosi bagnanti presenti sui lidi per acquisire elementi utili circa la provenienza  di tale sostanza.
Contemporaneamente,  i carabinieri del mare, hanno iniziato a seguire la scia della chiazza che proveniva dalla costa.  Si è, così, individuato un lungo canalone di scolo di acque piovane  che gli stessi militari hanno percorso, passo dopo passo, fino a monte, a circa 300 metri dal mare. Qui hanno sorpreso, fermato ed identificato, in flagranza di reato, tre persone che stavano ancora scaricando nel canalone un bidone di vernice rosa.
Ad agire, due operai  di una nota società di costruzioni di Torre del Greco e il loro committente dei lavori che  stavano effettuando un intervento di pulizia all’interno di un condominio. I tre, tutti residenti in città, si stavano disfacendo di molti bidoni contenenti residui di vernici sintetiche provenienti da lavori edili.
Immediatamente per loro è scattata la denuncia. I tre, adesso, dovranno rispondere dei reati di danno ambientale per scarico abusivo in mare di rifiuti tossici pericolosi con danneggiamento delle risorse biologiche marine e deturpamento di bellezze naturali.
Eseguite dai carabinieri le operazioni di  disinquinamento per  ripristinare al meglio lo stato dei luoghi. 

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©