Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le forti piogge minacciano di aumentare i problemi

Toscana: pronti ad evacuare la Versilia


Toscana: pronti ad evacuare la Versilia
29/12/2009, 09:12

LUCCA - Continua a preoccupare la situazione delle inondazioni in Toscana. La provincia di Lucca e quella di Pisa sono state interessate, la vigilia di Natale, da una esondazione del fiume Serchio, nei pressi di Nodica, in provincia di Pisa. Il fiume ha rotto l'argine per una lunghezza di 170 metri; e per riparare un danno così esteso servirebbero almeno una decina di giorni. Ma le piogge che si preannunciano nei prossimi giorni, daranno il tempo di completare l'opera? Nel frattempo i volontari della Protezione Civile, aiutati dai militari della Folgore, si affannano a tamponare le cose alla meglio con i sacchi di sabbia, ma è difficile che possa reggere alla ondata di piena che potrebbe scendere.
Un altro punto che desta preoccupazione è il lago Massaciuccoli. Ormai è ai limiti, non riesce più ad assorbire l'acqua che giunge dal Serchio; tanto che si sono attivate delle motopompe per aiutare il lago a scaricare l'acqua. Se dovesse arrivare l'ondata di piena, potrebbero trovarsi inondati i comuni di Viareggio, Camaiore, Massarosa e Torre del Lago. Si tratta di comuni noti e che hanno numerosi abitati storici, a cominciare dalla villa-museo di Puccini e dal teatro. Secondo gli esperti, è necessario prosciugare 26 milioni di metri cubi d'acqua, cosa che non è fattibile in tempi brevi. Franco Mungai, sindaco di Massarosa, ha avvisato la cittadinanza, invitandoli a non lasciare automobili e di non dormire ai piani bassi. Misura prudenziale, ma rende l'idea della preoccupazione che avanza. Guido Bertolaso, capo della Protezione Civile, ha assicurato che presto arriverà lo stato di calamità naturale:
"Fate come se aveste già in tasca il decreto di calamità nazionale. Fate tutto quello che dovete fare, ma sbrigatevi. Lo Stato è qui con voi".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©