Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In azione i carabinieri di Torre Annunziata

Traffico internazionale di stupefacenti, un altro fermo


Traffico internazionale di stupefacenti, un altro fermo
09/07/2010, 15:07

TORRE ANNUNZIATA - Dopo l’arresto nel blitz di ieri mattina di 8 affiliati al clan Gionta di Torre Annunziata per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti e spaccio, sequestro di persona e detenzione illegale di armi clandestine, è stato fermato questa mattina il nono componete della banda criminale. Si tratta di Mario Verbo, classe 77, autotrasportatore, volto già noto alle forze dell’ordine, residente a Torre Annunziata. L’uomo è stato bloccato a Scafati dai carabinieri del nucleo investigativo e dai militari della compagnia di Torre Annunziata. Il 33enne dovrà rispondere del reato di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti in concorso con le altre 8 persone finite in manette ieri dopo il provvedimento di fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli.  Nel corso di una indagine antidroga coordinata dalla DDA contro un gruppo interno al clan camorristico dei Gionta, specializzato anche nel traffico di stupefacenti, i carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata si sono trovati davanti a degli avvenimenti singolari. L’affiliato ad un clan camorristico è stato rapinato di un carico di droga. Il gruppo malavitoso, per 'punizione', ha sequestrato il basista del colpo per farlo parlare e ucciderlo, ma l'omicidio è stato sventato dai carabinieri del nucleo investigativo. La vicenda è alla base dei provvedimenti eseguiti dai carabinieri di Torre Annunziata.

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©