Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Non è morto è stato soccorso da alcuni vicini

Tragedia a Imperia: uccide moglie e cognata e poi si spara


Tragedia a Imperia: uccide moglie e cognata e poi si spara
26/12/2012, 22:10

BORGHETTO S.NICOLO' (IMPERIA) - Ha ucciso la moglie perché se ne voleva andare, ha ucciso la sorella di lei perché appoggiava la decisione della donna di scappare da un uomo come violento. Santino Putrino, 45 anni, floricoltore in un borgo campestre alle spalle di Bordighera, al termine dell'ennesima scenata ha imbracciato uno dei suoi fucili da caccia e ha inseguito le due donne. Prima ha preso di mira la cognata Franca, 54 anni, e le ha sparato nella nuca freddandola sul colpo, poi ha cercato la moglie Olga, 51 anni, che si nascondeva nella serra. Quando Olga si è messa a correre per scappare dalla furia di Santino, le ha sparato nella schiena. Quando ha visto la moglie agonizzante a terra, Santino Putrino ha probabilmente realizzato ciò che aveva fatto. Così ha caricato nuovamente il fucile, l’ha appoggiato al ventre e ha fatto fuoco. Non è morto: soccorso da alcuni vicini, è stato trasferito all'ospedale di Ventimiglia e poi, viste le condizioni gravissime, al San Martino di Genova. E’ questo l'epilogo di un matrimonio finito da tempo. Olga Ricchio Putrino aveva chiesto più di una volta ai carabinieri di togliere i fucili da caccia al marito perché, diceva, “è un uomo violento”. Ma i fucili non glieli hanno tolti mai a Santino. E sua moglie aveva paura. E quando questa paura è diventata insopportabile, quando le scenate sempre più violente hanno sfinito Olga Ricchio, è maturata la decisione di andarsene. La prima a volere che Olga lasciasse la casa è stata sua sorella, Franca. La sorella maggiore, alla quale Olga confidava la voglia di ricominciare lontano da Santino. Ma Santino non voleva sentir parlare di separazione e tantomeno di divorzio. Così le feste di Natale hanno funzionato da amplificatore ai problemi della coppia ed è iniziata la fine. Quando sono arrivati i carabinieri chiamati dai vicini, hanno visto la mattanza. Franca con la testa squarciata dalla fucilata, dietro al garage nel cortile. Olga con una vasta ferita alla schiena che l'ha uccisa sul colpo. Il fucile era lì, abbandonato nella serra: questo, dicono gli inquirenti, porta a far pensare che Santino abbia ucciso prima Franca e poi Olga. Sarà l'autopsia sulle due donne disposta dal magistrato di turno Marco Zocca a chiarire la dinamica. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©