Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Sotto accusa in particolare Standard & Poor's

Trani: tutti assolti nel processo sul rating italiano


Trani: tutti assolti nel processo sul rating italiano
30/03/2017, 17:06

TRANI - Il tribunale di Trani ha assolto i sei imputati della Standard & Poor's e di Finch dall'accusa di aver manipolato il rating dell'Italia per trarne indebiti vantaggi. Il Pm aveva schiesto la condanna a 9 mesi per David Michael Willmoth Riley, all'epoca dei fatti capo rating sovrano della sede londinese dell'agenzia di rating Fitch; a 2 anni per Deven Sharma, all'epoca dei fatti presidente mondiale di S&P; a 3 anni ciascuno per Yann Le Pallec, responsabile per l'Europa, e per gli analisti del debito sovrano Eileen Zhang, Franklin Crawford Gill e Moritz Kraemer.

L'accusa partiva dai fatti del 2011 e 2012, quando l'Italia venne declassata di due posti dalle agenzie di rating. Cosa che, secondo il capo di imputazione, avrebbe provocato "una destabilizzazione dell'immagine, del prestigio e degli affidamenti creditizi dell'Italia sui mercati finanziari nazionali ed internazionali, un deprezzamento dei titoli di Stato e un indebolimento dell'euro". In realtà le stesse valutazioni venivano espresse anche dalla Banca d')Italia e da altre istituzioni finanziarie; cosa che non ha permesso di dimostrare una volontà "ostile" al nostro Paese. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©