Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Omicidio-suicidio per motivi ancora sconosciuti

Trapani: chiude i familiari in casa e dà loro fuoco, poi si suicida


Trapani: chiude i familiari in casa e dà loro fuoco, poi si suicida
12/01/2012, 09:01

TRAPANI - Strage familiare all'alba a Trapani, con 5 morti. Pietro Fiorentino, 40 anni, ha rinchiuso i suoi quattro familiari - la moglie, la figlia di 10 anni, la suocera e il cognato disabile - in una camera della casa e poi vi ha dato fuoco, condannandoli ad una morte atroce. Dopo di che, quando si è accorto che le fiamme non lasciavano scampo, si è suicidato, lanciandosi dalla finestra del suo appartamento, situato al quinto piano del palazzo.
I vigili del fuoco sono intervenuti appena i vicini hanno notato le fiamme divampare e hanno spento l'incendio abbastanza rapidamente. Ma era troppo tardi per salvare le persone che erano state chiuse all'interno dell'appartamento, che sono morte tutte carbonizzate.
Per il momento si ignorano le cause di questa decisione, anche se non si esclude che sia stata dettata dalla disperazione: Fiorentino tirava avanti con lavoretti saltuari, e mantenere moglie, figlia, suocera ed una persona disabile richiede molti sforzi finanziari.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©