Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo i tagli operati la situazione è critica

Trasporto pubblico locale: profondo nero


Trasporto pubblico locale: profondo nero
24/12/2012, 11:06

I trasporti locali negli ultimi due anni hanno subìto una battuta d’arresto molto forte pari all’11,4 per cento delle risorse in partenza e purtroppo per il futuro imminente non si prospettano buone nuove.

Ad essere precisi la legge di stabilità prevede per il trasporto pubblico locale un Fondo nazionale con una cifra che nei prossimi anni sarà stabilizzata a quota 4,93 miliardi di euro. Ma il problema è pratico ovvero mancano i fondi reali da stabilire. Tuttavia le imprese non hanno abbassato la guardia su questo tema ottenendo dal Governo che la dote sicura proveniente dalle accise fosse quella del 2011, e non quella alleggerita ottenuta nel 2012.

Le ultime analisi di Asstra, associazione di settore, e del suo centro di ricerca Hermes parlano di un settore in cui già il servizio è stato altamente limitato, sono aumentate le tariffe e si sono creati diversi problemi nella gestione del personale sullo sfondo  aziende che subiscono una crisi di liquidità aumentata anche dai crediti incagliati nei confronti di Regioni e Comuni.

Il Presidente dell’ Asstra ha dichiarato: «Le risorse che confluiscono nel Fondo non permettono di assicurare né la copertura del rinnovo del contratto nazionale per i lavoratori, né il recupero delle dinamiche inflattive degli ultimi anni».

Sotto la scure di questa problematica 8.500 dipendenti, che rappresentano il 7 per cento dell'intera forza lavoro impegnata nel trasporto locale.
Naturalmente ogni singola regione vive una situazione diverse in base alle casse ed alla gestione scelta dalle amministrazioni in Campania ad esempio si è registrato un taglio di risorse biennali al top del 27%, mentre in Molise si è registrato un meno 23% e in Sicilia un meno 20%. 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©