Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Nell'editoriale di sabato la versione del giornalista

Travaglio: "Io condannato a risarcire Tiziano Renzi? Non ne sapevo niente"


Travaglio: 'Io condannato a risarcire Tiziano Renzi? Non ne sapevo niente'
19/11/2018, 10:12

ROMA - Marco Travaglio condannato a sua insaputa? E' questa la versione del direttore del Fatto Quotidiano, a proposito della condanna ricevuta in Tribunale a risarcire Tiziano Renzi per 50 mila euro. La notizia è stata data dall'ex premier Matteo Renzi, via Facebook, e poi rilanciata dagli organi di stampa. 

Sabato Travaglio ha scritto un editoriale in cui dice che non ne sapeva niente di quel processo, che non ha ricevuto la notifica o forse la stessa è andata persa, e che per questo non ha partecipato al processo, nè lui nè il suo avvocato. Il che teoricamente può essere: trattandosi di un processo civile (non era un processo per diffamazione, come hanno scritto in molti, anche sui social network, ma un processo civile per il risarcimento danni), il Tribunale avverte le parti, che devono presentare una memoria difensiva ed eventualmente chiedere l'audizione di testimoni. Se uno dei due non manda niente, il Tribunale esamina solo quello che arriva e, se la trova convincente, decide di conseguenza. Tuttavia appare strano, conoscendo la meticolosità e la precisione di Travaglio che possa aver fatto un errore così banale. Del resto, la discussione è semplice. Travaglio è accusato di avere detto qualcosa (cioè che Tiziano Renzi faceva affari con aziende di Stato, intendendo la Consip) che avrebbe provocato danni economici a Renzi senior, danni per cui c'è il risarcimento. Il punto è: ha detto o no quelle frasi? E quelle frasi hanno portato danni economici? Il giudice ha detto di sì. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©