Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Travaglio querelerà Berlusconi per le dichiarazioni a Servizio Pubblico


Travaglio querelerà Berlusconi per le dichiarazioni a Servizio Pubblico
12/01/2013, 17:25

ROMA - Chi ha visto la puntata di Servizio Pubblico, ha visto che SIlvio Berlusconi, nel finale di puntata, ha letto una serie di quelle che lui ha definito "condanne per diffamazione" nei confronti di Marco Travaglio. In realtà si trattava di sentenze di Tribunali civili in processi per danni, che è una cosa completamente diversa dalla diffamazione. 
Per questo oggi Travaglio, in un articolo uscito sul Fatto Quotidiano, annuncia la sua intenzione di querelare l'ex premier per diffamazione. Infatti, come specificato dallo stesso giornalista, "in trent'anni di attività, su trenta libri, 30mila articoli, centinaia di trasmissioni televisive e online, è stato denunciato circa 300 volte in sede civile e penale. In sede civile ha perso alcune cause, pagando il risarcimento del danno, mai per avere scritto il falso, ma perlopiù per casi di omonimia o per critiche ritenute eccessive o per fatti veri mal compresi dal giudice o mal dimostrati dalla difesa. In sede penale, non ha mai riportato una sola condanna definitiva per il reato di diffamazione". E ha aggiunto che l'unica condanna pendente è una a 1000 euro di multa che è in Cassazione e di cui ancora nessuno ha dichiarato la prescrizione (anche se i termini di leggedovrebbero essere spirati)

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©