Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Giulia Spinello era una studentessa di 22 anni

Travolta da un'auto e trascinata per cinque chilometri


Giulia Spinello
Giulia Spinello
31/05/2013, 18:08

PADOVA - Giulia Spinello era una studentessa universitaria di 22 anni.  E’ rimasta uccisa a Santa Giustina in Colle (Padova) in un incidente avvenuto in circostanze drammatiche. Pare che la donna che l'ha investita, una 63enne a bordo di una Jeep Grand Cherokee, ha riferito di non essersi accorta di nulla. Nemmeno del corpo della giovane, che dopo l'impatto è rimasto attaccato al paraurti anteriore ed è stato trascinato e massacrato per ben cinque chilometri. Solo quando la donna è arrivata a casa e ha parcheggiato l'auto si sarebbe accorta di quanto accaduto. I carabinieri della compagnia di Cittadella, allertati da alcuni testimoni, per rintracciare la donna hanno seguito la vistosa scia di sangue lasciata sull'asfalto dal corpo della povera 22enne che inizia almeno 500 metri dopo il punto dello schianto, a riprova che quasi certamente la ragazza era ancora in vita dopo l’impatto, e che prosegue per almeno cinque chilometri per le vie del paese.

Al momento la donna alla guida del Suv non ha ricevuto misure restrittive.  Gli inquirenti ipotizzano che la donna credeva che fosse incappata in un oggetto materiale, e sollecitata dalla paura dell’impatto, abbia proseguito fino a casa senza fermarsi per vedere l’entità dell’impatto.

Secondo una prima ricostruzione, Giulia Spinello sarebbe stata colpita dall'auto poco distante da casa, in via Ceccarello, a Santa Giustina in Colle, mentre si recava a casa di sua nonna. La donna al volante del Suv, residente in un comune confinante, San Giorgio delle Pertiche, nella frazione di Arsego, stava tornando a casa dopo aver fatto alcune commissioni in paese. Non è escluso che le particolari condizioni di salute della donna al volante e soprattutto alcune cure mediche a cui era sottoposta da tempo abbiamo influito sullo stato di lucidità della donna.

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©