Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Travolta e uccisa in bici la clochard di via Belzoni

uccisa donna per colpa di un pirata italiano

Travolta e uccisa in bici la clochard di via Belzoni
08/07/2011, 19:07

ROVOLON. Tragico incidente mortale a Bastia di Rovolon. Una donna, Barbara Zappon di 39 anni, è stata travolta in bici da un'auto che l'ha scaravantata nel fosso accanto alla strada. Sul terreno non sono rimasti segni di frenata: l'auto, una Peugeot 207, ha dunque colpito in pieno la donna sbalzandola dalla sella.

Alla guida c'era un giovane italiano di 27 anni che, in preda al panico, è fuggito come un codardo. Dopo qualche minuto però si è presentato assieme ai genitori alla compagnia dei carabinieri di Bastia per costituirsi. Il giovane è risultato positivo all'alcol-test.

L'incidente è avvenuto in via Albettoniera all'altezza del civico 9: è la strada che da Bastia porta a Lovolo. Solo l'autopsia potrà stabilire se la donna sia annegata successivamente all'urto o se fosse già morta quando è caduta nel fossato.

Barbara Zappon è molto conosciuta in città: è la clochard che solitamente si posizionava all'incrocio tra via Belzoni e via Falloppio, chiedendo l'elemosina agli automobilisti fermi al semaforo. Molto spesso poi la si vedeva girare per il centro in bicicletta, ed era nota per i suoi bellissimi occhi azzurri, tanto che era soprannominata "la senzatetto dagli occhi di ghiaccio". All'inizio di giugno era stata arrestata davanti al bar Baessato perché aveva accumulato una serie di fogli di via da Padova: ha poi scontato un mese di carcere a Rovigo. Aveva improvvisato una specie di giaciglio, con cibo, vestiti e coperte nella cabina telefonica di largo Europa

Commenta Stampa
di Costel Antonescu - www.telenews.ro
Riproduzione riservata ©